Telegram Messenger

telegram logo

Dopo l'acquisto di Whatsapp da parte di Facebook il 19 febbraio 2014 (per 19 miliardi di dollari) e il successivo blackout del servizio di messaggistica, quasi cinque milioni di utenti hanno scaricato Telegram nel giro di poche ore.
Telegram era un'app di messaggistica fino ad allora poco conosciuta, sviluppata da Nikolai e Pavel Durov, i fondatori del Social Network russo VK.

Quali sono i motivi per scegliere Telegram?

Sotto molti aspetti l'app è simile a Whatsapp, si possono creare chat singole o di gruppo, inviare file multimediali di dimensioni massime di 1.5GB, e integra una serie di funzionalità in più, soprattutto sotto l'ambito della privacy.

In Telegram abbiamo la possibilità di creare chat segrete tra gli utenti e decidere quanto tempo queste chat saranno memorizzate sui server dell'app.

Telegram è un software open source, quindi sviluppatori indipendenti hanno potuto creare diverse versioni per adattare l'app a svariate piattaforme.
È quindi possibile installare Telegram su smartphone e tablet Android, IOS, Windows Phone e tra breve anche su Blackberry.
Sono disponibili anche le versioni desktop per i principali sistemi operativi: Windows, OSX e Linux.

Telegram lascia accedere gli utenti da più dispositivi contemporaneamente, per la sua struttura basata sul Cloud. Questa sincronizzazione non è possibile con Whatsapp, che nonostante abbia la sua WebApp per Desktop fa passare il traffico dallo smartphone, con grande consumo di dati se non connesso a un wifi.

Altro aspetto importante, Telegram è gratis per sempre, nessuna tariffa di sottoscrizione e nessuna pubblicità.

Tra le funzioni di chat di Telegram abbiamo la possibilità di inserire, oltre alle classiche emoticon, anche gli sticker, dei disegni in bianco e nero associati alle emoticon e create da utenti, seguendo delle linee guida. Esiste la possibilità di quotare un messaggio, molto utile nel caso si voglia riprendere un argomento precedente, si può citare un utente (@) nelle chat di gruppo, per rispondere selettivamente senza notificare il messaggio a tutti i partecipanti e si possono utilizzare gli hashtag per raggruppare i messaggi simili e cercarli rapidamente.

Dopo l'ultimo aggiornamento, Whatsapp ha introdotto le chiamate, che ancora mancano su Telegram.

Se ancora non l'hai provato, puoi scaricarlo da qui per tutti i tuoi dispositivi, o cercarlo sugli store.


Aggiornamento 20/05/2015
Telegram ha aggiunto anche la possibilità di aggiungere pacchetti di sticker creati dagli utenti. Per provarne alcuni aprire da smartphone (iOS o Android solamente, per ora) uno dei seguenti link
https://telegram.me/addstickers/forocoches
https://telegram.me/addstickers/pokemon
https://telegram.me/addstickers/Unofficial
https://telegram.me/addstickers/MemeStickers
https://telegram.me/addstickers/animals
https://telegram.me/addstickers/Vicky
https://telegram.me/addstickers/Flags
https://telegram.me/addstickers/penguin
https://telegram.me/addstickers/stickerdogs
https://telegram.me/addstickers/pidgeons
https://telegram.me/addstickers/GianniMorandi
https://telegram.me/addstickers/dumbways2die
https://telegram.me/addstickers/CrashBandicoot
https://telegram.me/addstickers/StarWarsEly
https://telegram.me/addstickers/simpsons
https://telegram.me/addstickers/TSwift
https://telegram.me/addstickers/Valentino
confermare l'apertura dei link con Telegram e aggiungere i set di sticker.